Go to English page 

Genealogia

Il primo programma italiano per studi genealogici e storici

Il primo programma per Windows con un database con struttura ad albero

Il primo programma con la definizione dei gruppi e degli eventi collegati

Disponibile sulla rete da aprile 1999

Banner di Genealogia

  Una immagine del programma

Un albero prodotto da Genealogia (Salva per elaborarlo)

File Supriani.Ged (3MB con immagini)
 

Da alcuni anni si è sviluppato un fenomeno particolare in Internet, esistono dei siti di grandi dimensioni (Familysearch.com, Ancestry.com) che permettono di prelevare alberi genealogici della famiglia richiesta ed il numero di appassionati e di mailing lists che scambiano informazioni sulla storia delle famiglie è in continuo aumento. Il merito di questa diffusione va attribuito, anche, ad un particolare standard di scrittura dei dati, chiamato GEDCOM (da GEnealogical Data COMmunication) il quale consente di scrivere i dati in un formato che può essere riconosciuto da altri programmi.

L’Italia, per molti anni, non è stata attraversata da quest’interesse, che ha colpito tutta la rete, ma oggi esiste un programma italiano che, per potenza di elaborazione ed opzioni disponibili, può essere tranquillamente paragonato alla migliore produzione internazionale.

Genealogia è il nome di questo programma che si è evoluto, dall’iniziale idea dello studio della storia delle famiglie, verso lo studio della storia in senso più ampio.

Con Genealogia è possibile catalogare individui, famiglie, attributi ed eventi, collegare gli eventi alle sorgenti dell’informazione che li descrivono, commentare l’affidabilità della fonte e collocare le sorgenti dell’informazione negli archivi che le contengono. Si possono, anche, aggiungere e catalogare oggetti multimediali quali suoni, immagini e filmati.

Genealogia consente a chiunque di scrivere una ricerca storica impostata nella maniera corretta, ogni informazione può essere ampiamente motivata e commentata e la scelta, se scrivere un lavoro di tipo “ufficiale” o una raccolta di notizie sulla famiglia, prima che vadano perdute, è lasciata all’utente del programma. Una sezione del programma, particolarmente ricca di opzioni, è dedicata alla stampa degli alberi genealogici, esistono funzioni di controllo per verificare la coerenza dei dati inseriti ed esiste la possibilità di stampare diversi tipi di relazione storica. Particolarmente simpatica la funzione “Accadde oggi” che consente di avere una lista degli eventi famigliari o storici verificatisi nello stesso giorno negli anni passati. Interessante anche la possibilità di utilizzare calendari diversi dal Giuliano (ad esempio il calendario romano antico o quello della rivoluzione francese). In altre parole: la storia è di chi la scrive.


Grazie per la collaborazione

Eventuali richieste di chiarimenti o suggerimenti per migliorare il programma saranno bene accolte e riceveranno risposta.

Scrivi a Genealogia
Per chiedere consigli o fornire suggerimenti, basta un click del mouse sul disegno sovrastante.


Caratteristiche principali


L'ultima versione doveva contenere alcune funzioni per la trascrizione degli archivi parrocchiali, la loro dimensione è talmente cresciuta da essere inserite nel nuovo programma Certosa ad esse dedicato.

 

Preleva la versione di Genealogia 5.7.1151 (3,6 MB)
Prelievo di Genealogia

Se desideri una maggiore velocità prova con

Simtel

Preleva con Simtel

WinSite

Preleva con WinSite

ab-archive

Preleva con AB-archive

BrotherSoft

Preleva con BrotherSoft

 


Il programma Genealogia per Windows 95, Windows 98 e Windows NT viene distribuito gratuitamente e con qualche limitazione nell'uso rispetto alla versione registrata.


Requisiti software



L'albero delle informazioni

Lo standard GEDCOM definisce un elevato numero di etichette (tags) per la catalogazione degli eventi e dei dettagli.
Viene anche definito quali etichette possono essere collegate tra loro.
Il numero delle combinazioni possibili è molto alto (virtualmente infinito).
Questa situazione genera alcuni problemi nell’importazione dei files GEDCOM e nella successiva visualizzazione.
Supponiamo di importare un file GEDCOM proveniente da un programma che permette di inserire un’immagine relativa ad un documento, ad esempio un campionamento eseguito con lo scanner. All’etichetta del documento (SOUR) sarà collegata l’etichetta dell’immagine (OBJE).
Importando questo file in un secondo programma, che consente di inserire immagini solo relativamente agli individui, questa parte dell’informazione andrà perduta, dato che il secondo programma ha una finestra di visualizzazione delle immagini solo per gli individui.
Questa situazione è molto comune, poiché i programmi, normalmente, non utilizzano tutte le etichette dello standard ed, ancor meno, utilizzano tutti i collegamenti possibili tra di esse.
Esiste un problema legato all’uso delle finestre con caselle per l’inserimento e la modifica delle informazioni.
Queste finestre dovrebbero diventare eccessivamente grandi e complesse per poter prevedere tutte le etichette ed i loro collegamenti.
Genealogia sfrutta una soluzione non usuale, considera un albero anche l’informazione e, come albero, la visualizza.
Questo approccio particolare rende Genealogia un programma meno immediato nell’uso, ma consente di importare qualunque struttura dell’informazione proposta dal programma originale e di modificarla a piacere.
Supponiamo di avere creato un nuovo individuo, e di avere assegnato il nome.
Nell’albero delle informazioni, agendo con il tasto destro del mouse sul codice dell’individuo, possiamo aggiungere un evento, ad esempio un’ordinazione sacerdotale. Agendo ora, con il pulsante destro del mouse sull’evento, possiamo rifinirlo con una data, un luogo e con un’immagine dell’evento stesso.
Possiamo anche procedere oltre, attribuendo all’immagine un riferimento al libro (sorgente) dal quale l’immagine è stata tratta e collegare la sorgente all’archivio nel quale è conservata.
Si può, quindi, “cesellare” l’informazione sfruttando al limite le caratteristiche dello standard.
Se l’idea di “albero delle informazioni” fosse troppo astratta, si può ricorrere ad un esempio alternativo, considerando l’individuo come il capitolo di un libro.
Le informazioni saranno ora i paragrafi e sottoparagrafi del nostro capitolo.
L’esempio precedente potrebbe essere schematizzato nel seguente modo:

Codice individuo

Non è, naturalmente, obbligatorio procedere ad una strutturazione molto spinta dell’informazione, è possibile raccogliere tutto in un'unica nota ed attribuirla all’individuo, rimandando il momento in cui l’informazione verrà divisa, questo per eventuali iniziali incertezze nell’uso del programma o per non avere ancora deciso cosa meriti di essere diviso.

Dato che il computer può ordinare solo le informazioni che sono state “circoscritte”, la regola aurea è di decidere quali di queste informazioni meritano di essere catalogate.

 


La pagina di Genealogia
Aggiornata il 20 ottobre 2012
Inviate una nota con le caratteristiche del link se intendete collegare questa pagina al vostro sito.